You have now logged off

Login
InfluenzaStagionale

INFLUENZA STAGIONALE

Malattia respiratoria stagionale acuta, l’influenza, che in Italia, quindi nell’emisfero occidentale, si presenta principalmente durante la stagione invernale, è causata da virus influenzali.

Indice


Cos’è l’Influenza stagionale?

Malattia respiratoria stagionale acuta, l’influenza, che nell’emisfero occidentale si presenta principalmente durante la stagione invernale, è causata da virus appartenenti alla famiglia Orthomixoviridae.

Si conoscono tre diversi tipi di virus, i virus A e B, che causano l’influenza classica, e Il virus C che causa un’infezione di solito asintomatica o simile al raffreddore.

Quali sono i sintomi dell’Influenza stagionale?

L’influenza, contraddistinta da sintomi repentini generali e respiratori, ha un periodo molto breve di incubazione, generalmente 1-2 giorni. I sintomi più comuni dell’influenza stagionale, che possono durare anche una/due settimane, sono:

  • febbre alta, superiore ai 38°C, nei bambini anche fino a 39-40°C
  • dolori ossei e muscolari diffusi
  • tosse
  • sintomi delle vie respiratorie
  • mal di testa
  • grave malessere (spossatezza)

La bronchite e la polmonite sono le complicanze respiratorie più comuni dell’Influenza, mentre nei bambini si verificano con maggior frequenza sinusiti e otiti. Nelle persone che hanno già delle condizioni preesistenti (come per esempio soggetti cardiopatici o diabetici), l’influenza stagionale può determinare un rapido peggioramento della malattia già presente ed essere mortale, aumentando il rischio di eventi come l’infarto del miocardio o ictus.

Il maggior numero di complicanze si registrano nei soggetti con più di 65 anni.


Come si diffonde l’Influenza stagionale?

I virus influenzali si trasmettono per via aerea, tramite goccioline di saliva che si diffondono con colpi di tosse, starnuti o semplicemente parlando, soprattutto negli ambienti affollati e chiusi.

Un soggetto infetto è contagioso a partire da un giorno o due prima che i sintomi compaiono, fino a circa cinque giorni dopo l’inizio della sintomatologia, talvolta fino a dieci giorni dopo. Questo significa che anche persone apparentemente sane possono trasmettere il virus.

Quali sono i rimedi contro l’influenza stagionale?

La maggior parte dei pazienti che contraggono l’influenza stagionale (in assenza di complicazioni) guariscono senza un particolare trattamento farmacologico; tuttavia, soprattutto per combattere la febbre e i dolori che essa provoca, risultano ottimi alleati antidolorifici, antipiretici e antinfiammatori. Nel caso in cui sono presenti delle condizioni di rischio, potrebbe essere necessario recarsi dal medico di famiglia che valuterà la prescrizione di una terapia farmacologica.

Tra i rimedi naturali da mettere in atto, il riposo è quello più consigliato. è importante mantenere il corpo ben idratato e mantenere la casa arieggiata.

Come proteggersi dall’Influenza stagionale?

Una caratteristica importante dei virus dell’Influenza è la capacità di cambiare le caratteristiche delle proteine di superficie. Per questo una volta che ci si ammala, non si sviluppa una protezione contro successive infezioni (immunità).

È possibile prevenire l’influenza e quindi le sue complicanze, grazie alla vaccinazione.

È quindi possibile mettere in atto alcune misure di igiene in grado di ridurre la probabilità di contrarre l’infezione e quindi di contrastare la circolazione del virus, tra queste la corretta igiene delle mani e la buona igiene respiratoria.

Bibliografia essenziale

Epicentro - Istituto Superiore di Sanità
https://www.epicentro.iss.it/influenza/influenza
(ultimo accesso in data 14/12/2020)

Ministero della Salute:
http://www.salute.gov.it/portale/influenza/homeInfluenza.jsp
(ultimo accesso in data 14/12/2020)